Il piccolo particolare

Ogni tanto mi capita, mentre la giornata va avanti normalmente, di fare attenzione ad un certo particolare o di fare caso a qualcosa di ininfluente, quasi di banale, che però ti mette di malumore.
Fino a un momento prima sei allegro (non esageriamo, diciamo che sei soddisfatto di ciò che stai combinando) e l’attimo dopo ti senti a disagio, perché quella piccola cosa che è successa o quella particolare frase che hai sentito ti danno un senso di sconforto che prima non percepivi.
Ma non essendo nulla di eccezionale quello che ti da fastidio (anzi è una di quelle cose di cui di solito non te ne frega un cazzo), non riesci nemmeno a dargli la colpa del tuo malessere; ed allora ti chiedi da dove provenga la sensazione spiacevole che provi, e allarghi la domanda a tutto quello che stai facendo o hai fatto, alla ricerca di una vera risposta che ti possa far pensare “ecco, è colpa di quello!”.
Il problema è che la risposta non la trovi mai, e rimani depresso a causa di qualcosa che percepisci ma non riesci a mettere a fuoco e a capire;  il tutto per colpa di un piccolo particolare che non conta nulla e che, pensandoci a posteriori, avresti preferito non notare.

 

(no, non ho pestato una merda di cane)

This entry was posted in I cazzi miei. Bookmark the permalink.

1 Response to Il piccolo particolare

  1. Raf says:

    Fossero solo i particolari che mi mettono
    depressione… Spesso mi basta alzarmi la
    mattina! Raf

Comments are closed.